Please enable JS
26 Giu 2016 / Diario di Bordo

Per servire una perfetta cena a base di pesce è sì necessario scegliere un pesce perfetto, ma bisogna curare anche la sua preparazione e la presentazione ai commensali.

Ecco cosa vi serve per pulire perfettamente il pesce

Per pulire il pesce sono necessari alcuni strumenti particolari che vi consentiranno di preparare al meglio la vostra pietanza, pronta per essere cotta e servita in tavola.

Il primo strumento di cui dovete munirvi sono le forbici, con le quali tagliare le pinne dei pesci: alcune specie le hanno particolarmente dure o spinose. La forbice torna utile anche per eviscerare alcune specie ittiche, anche se per questa operazione utilizzare un coltello è certamente più pratico: vediamo quali coltelli sono necessari.

Quali coltelli utilizzare per trattare il pesce

Prima di rimuovere le interiora, il pesce va desquamato. Per questa operazione può essere utilizzato un cucchiaio oppure l'apposito coltello squamatore, che è dotato di una sorta di serbatoio per raccogliere le squame che tendono a spargersi sul piano di lavoro.

Se invece volete utilizzare un normale coltello, la squamatura si effettua non utilizzando il lato della lama, ma quello liscio, per non rovinare la pelle. Fatto ciò, lavate il pesce sotto l'acqua corrente e procedete alla pulitura.

Per eviscerare il pesce, trinciarlo e sfilettarlo esistono numerosi coltelli, che rappresentano gli strumenti principali per pulire il pesce e trattarlo. Per rimuovere le interiora è sufficiente utilizzare un coltello ben affilato, mentre per sfilettarlo serve uno speciale coltello con la lama molto lunga, flessibile e sottile, che semplifica notevolmente le operazioni. Se siete ancora alle prime armi, preparatevi a non ottenere un risultato perfetto nonostante l'attrezzatura adeguata: sfilettare correttamente un pesce richiede molta pratica.


Articoli Correlati


Special Card

Scopri i vantaggi della Special Card Mondo MareVivo

La nostra Fan Page