Please enable JS
19 Giu 2017 / Diario di Bordo

Lo ripetono incessantemente i nutrizionisti e gli scienziati dell'alimentazione che mangiare pesce almeno 2-3 volte a settimana previene le malattie cardiovascolari.

Perché il pesce, dunque, fa così bene al cuore e alle arterie?

Il motivo risiede nel fatto che è un alimento leggero e ha qualità organolettiche d'eccellenza, in riferimento all'apporto di acidi grassi essenziali polinsaturi Omega 3 e Omega 6.

Si tratta di grassi che il nostro organismo non produce e che attinge solo dal cibo, non fanno ingrassare e hanno la capacità di ripulire le arterie dai lipidi, che possono inspessire le pareti fino a occluderle pericolosamente. I grassi sono rappresentati soprattutto dal colesterolo e dai trigliceridi.

Sono processi vascolari degenerativi che durano anni, ma le arterie che sono prossime all'otturazione è noto che portino a infarto, trombosi, ictus e altre patologie molto serie, a volte fatali.

Le arterie ripulite grazie agli acidi grassi vanno dunque a tutto vantaggio del buon funzionamento del cuore, che è meno affaticato, si mantiene tonico ed elastico nelle pareti e, inoltre, beneficia della regolarizzazione del battito.

Il pesce, in riferimento proprio a questa capacità, viene consigliato anche nella dieta di chi ha già subito un infarto e ha necessità di non sovraccaricare il muscolo cardiaco.

Quali specie di pesce mangiare e come cucinarlo

Non tutte le specie di pesce hanno queste caratteristiche benefiche per cuore e arterie. Quelli più indicati fanno parte della categoria pesce azzurro, come sardine, alici, sgombri, tonni, pesci spada, aguglie e altri che costano poco, ma sono decisamente salutari.

È preferibile mangiare sempre pesce fresco, acquistato presso il proprio pescivendolo di fiducia. La modalità di cottura deve escludere la frittura o comunque l'aggiunta di altri grassi, che vanificherebbero i benefici del pesce. Altri prodotti ittici, come i crostacei o il salmone contengono comunque molti antiossidanti, ma sono grassi con alti livelli di colesterolo, per cui è meglio mangiarli con moderazione.

Il pesce azzurro contiene anche un buon quantitativo di iodio, utile alla tiroide, che regola la pressione arteriosa.


Articoli Correlati


Special Card

Scopri i vantaggi della Special Card Mondo MareVivo

La nostra Fan Page