Please enable JS
20 Ago 2019 / Diario di Bordo

La frittura di pesce, pur nella sua semplicità, è un secondo piatto che necessita del massimo livello di cura durante la sua preparazione.

Vediamo 5 consigli utili che ti aiuteranno a ottenere un’ottima frittura da gustare in famiglia o con gli amici.

La scelta dell'olio

L'olio extravergine d'oliva, così come quello di arachidi, rappresentano la scelta migliore qualora si voglia dare un ottimo sapore alla frittura di pesce.

Oltre al gusto che conferiscono alla pietanza, questi due tipi di olio sono caratterizzati anche da un punto di fumo elevato, ovvero il livello oltre il quale l'olio inizia a produrre sostanze tossiche per l'organismo.

La temperatura ideale per la frittura di pesce

Ovviamente occorre tenere sotto controllo la temperatura dell’olio di cottura del pesce: questa deve essere pari a 180°C circa, visto che solo la suddetta permette di ottenere una frittura cotta all'esterno ma anche all'interno e priva di parti eccessivamente unte.

Per controllare la temperatura basterà sfruttare un termometro da cucina, magari digitale, grazie al quale è possibile intervenire qualora il calore fosse eccessivo o troppo basso.

Cuocere in padelle grandi

La frittura deve essere effettuata a immersione, quindi usare una padella capiente che permetta di usare quantità abbondanti d'olio rappresenta la scelta migliore da adottare.

Molti potrebbero pensare che in questo modo si sprechi tanto olio, ma friggere in questo modo vuol dire offrire una cottura omogenea al pesce, che sarà quindi privo di parti poco cotte o unte.

Friggere pochi pezzi per volta

Per una buona cottura del pesce occorre procedere con la frittura a piccole dosi, ovvero non bisogna mai mettere a cuocere tutto il pesce assieme.

Questo poiché si rischierebbe di distrarsi e quindi lasciare parti dello stesso troppo cotte oppure unte, mentre gli altri pezzi impanati potrebbero avere un aspetto opposto.

Pertanto i pochi pezzi cotti contemporaneamente consentono di effettuare una cottura ottimale e di evitare errori di ogni genere.

Il pesce e il lavoro prima della cottura

Infine, il pesce deve essere lavato e occorre lasciare che questo raggiunga una temperatura ambientale: se il pesce è surgelato, metterlo a friggere ancora congelato raffredderà l'olio e quindi i tempi di cottura aumenteranno in maniera esponenziale, causando inoltre un'alterazione del sapore dello stesso pesce.

Basterà seguire questi piccoli accorgimenti per ottenere un piatto gustoso e croccante al punto giusto!


Articoli Correlati


Special Card

Scopri i vantaggi della Special Card Mondo MareVivo

La nostra Fan Page