Please enable JS
11 Ott 2018 / Diario di Bordo

Il polpo, detto anche piovra, è un mollusco cefalopode appartenente alla famiglia Octopodidae, molto diffuso nel Mediterraneo, ma in generale anche negli altri mari e oceani, il cui nome di origine sia latina che greca ha il significato di "molti piedi" per richiamare gli 8 tentacoli dotati di ventose che lo caratterizzano.

Dove vive il polpo

In particolare il polpo vive nelle profondità marine entro e non oltre i 200 metri dalla superficie dell’acqua, soprattutto nelle rocce ricche di crepe e piccole aperture in cui usa nascondersi modificando abilmente la sua forma fisica grazie alla mancanza sia di un esoscheletro che di un endoscheletro. Inoltre il polpo riesce a modificare anche il suo colore per mimetizzarsi al meglio e produce ed espelle dell’inchiostro per confondere sia le sue prede che i suoi predatori.

Il periodo più indicato per pescare il polpo

Per ciò che riguarda la pesca del polpo essa viene praticata fondamentalmente da settembre a dicembre, mesi in cui tali molluschi presentano ancora piccole dimensioni, e da maggio a luglio, periodi in cui le piovre hanno ormai raggiunto dimensioni maggiori. È importante evidenziare che il polpo è davvero apprezzato nella cucina italiana in quanto è uno mollusco particolarmente adattabile a vari tipi di ricette, dagli antipasti come le insalate di mare, alle zuppe, ai sughi e ai secondi piatti. A questo proposito ecco qui si seguito la Ricetta del Polpo in Umido insieme ad alcuni consigli per non sbagliare.

Gli ingredienti per la ricetta del Polpo in umido

Per preparare la Ricetta del Polpo in umido bisogna procurarsi i seguenti ingredienti:

  • 1 kg di polpo fresco o congelato;
  • 400 gr di passata di pomodoro;
  • 1 scalogno;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 5 rametti di timo;
  • 2 foglie di salvia;
  • 1 litro 1/4 di litro d'acqua;
  • olio extravergine d’oliva, quanto ne basta;
  • sale fino e pepe nero macinato.

Procedimento

Ovviamente per preparare la Ricetta del Polpo in umido occorre seguire il giusto procedimento e dei trucchi per non sbagliare. Vediamo come fare.

Innanzitutto bisogna lavare e asciugare il polpo, porlo su di un tagliere da cucina, pulirlo eliminando gli occhi e il dente e nettarlo bene anche all’interno del cranio; procedere a risciacquarlo.

Tagliare lo scalogno, sbucciare anche l’aglio e affettare sul tagliere e riporre in una scodella entrambi gli aromi. Soffriggere in una pentola capiente dai bordi alti lo scalogno e l’aglio nell’olio extravergine d’oliva a fuoco lento finché non presentano un colore dorato.

Aggiungere la passata di pomodoro, alzare moderatamente la fiamma, unire il sale fino, le foglie delle erbe aromatiche e l’acqua. Mescolare e portare a bollitura la salsa di pomodoro. Inzuppare nella salsa i tentacoli per almeno 3 volte perché si possano arricciare al meglio e poi immergere nel sugo la piovra intera. Coprire la pentola con un coperchio o un piatto e cuocere a fiamma moderata per circa 1 ora, o finché il polpo non diventa tenero. A fine cottura spolverare il polpo in umido con del pepe nero appena macinato oppure con quello in polvere

Togliere il polpo dal sugo di cottura, porlo di nuovo sul tagliere e affettarlo a pezzi della misura di propria scelta. Riporre sia la piovra che il sugo insieme in una ciotola capiente di terracotta. Servire in tavola la pietanza così ottenuta con delle bruschette preparate facendo abbrustolire delle fette di pane condite con dell’olio d’oliva e del sale, strofinate con dell’aglio fresco e spolverate con dell'origano.

Per concludere è opportuno evidenziare che il polpo in umido può essere usato anche per condire la pasta asciutta o per preparare una minestra dal gusto mediterraneo versandolo semplicemente su del pane a fette posto nel proprio piatto o in una ciotola. A questo proposito per fare la minestra è meglio cucinare la piovra in umido con un po’ più di passata di pomodoro e di acqua.


Articoli Correlati


Special Card

Scopri i vantaggi della Special Card Mondo MareVivo

La nostra Fan Page
 
I nostri punti vendita